Scegli la lingua Italiano Inglese Seguici sui social network Seguici su Facebook Seguici su Instagram Seguici su Youtube Izi.travel Tripadvisor Iscriviti alla newsletter Iscriviti alla newsletter

Necropoli etrusca di Sovana - Parco Archeologico Città del Tufo - Sorano - La regione dei Tufi



Indirizzo

S.P. 22 Sovana – San Martino sul Fiora a un Km da Sovana - Sovana

Il museo

Il Parco Archeologico Città del tufo, inaugurato nel 1998, è costituito da tre aree di grande
interesse storico, archeologico, naturalistico e paesaggistico che coprono una superficie di circa 60 ettari nel territorio di Sorano: la necropoli etrusca di Sovana, l’insediamento rupestre di San Rocco (in prossimità di Sorano) e l’insediamento rupestre di Vitozza nella frazione di San Quirico.
Le testimonianze più significative riguardano le necropoli etrusche dislocate sui colli che
circondano l’antico borgo di Sovana, ma del Parco fanno parte anche numerose ed importanti vestigia di epoca tardo antica e medievale come castelli, chiese, fortificazioni e abitazioni rupestri.
La necropoli di Sovana si trova ad un Km dal piccolo borgo medievale in direzione San Martino sul Fiora.
La parte più imponente della necropoli etrusca si trova sulle colline a nord del torrente
Calesine dove si possono raggiungere, attraverso percorsi immersi nella fitta vegetazione, le
straordinarie architetture funerarie rupestri: le tombe monumentali a fronte colonnata come la tomba Pola e la tomba Ildebranda che prende il nome dall’illustre cittadino Sovanese che divenne papa con il nome di Gregorio VII; le tombe a edicola del Tifone e dei Demoni Alati. Quest’ultima riportata alla luce nel 2004 è stata oggetto di un attento lavoro di musealizzazione da parte della Soprintendenza.
In prossimità del monumento sono stati collocati grandi blocchi di tufo con una decorazione
scultorea di notevole livello qualitativo.
Spicca fra tutti il frontone ad alto rilievo, sul quale
campeggia un imponente demone marino, alato e con code pisciformi, identificabile con Scilla o Tritone.
Sulla destra tra i vari blocchi decorativi si erge una statua quasi a tutto tondo identificabile
con Vanth demone femminile alato, messaggero di morte che porta la pergamena dove è scritto il destino del defunto.
A poca distanza, in un altro settore della necropoli, detto di Sopraripa, si trovano le tombe a dado, semidado, falsodado, e la tomba a edicola della Sirena.
Oltre ai monumenti sepolcrali la necropoli è caratterizzata da numerose vie cave tra le più grandiose e suggestive della zona come il Cavone, la via cava di Poggio Prisca e la via cava di San Sebastiano.

Bookshop

Accessibilità diversamente abili

Non accessibile

Orario

Apertura nei fine settimana del mese di marzo con orario 10-18;
da aprile a settembre tutti i giorni con orario continuato 10-19;
da ottobre al ponte di ognissanti tutti i giorni con orario continuato 10-18;
nei fine settimana del mese di novembre e gennaio, per il ponte dell’Immacolata Concezione e per le festività natalizie con orario continuato 10-17.
​Nei giorni di chiusura sono possibili aperture solo su prenotazione.

DICEMBRE 2-3-8-9-10-16-17-26-27-28-29-30-31
GENNAIO 1-2-3-4-5-6-7.

Fortezza Orsini aperta sabato e domenica con orario 10.00-13.00 14.00-17.00 visite guidate h 11.00 e 15.00 ( partenza dal Museo del Medioevo e Rinascimento situato in piazza Cairoli) 

Necropoli etrusca di Sovana aperta sabato e domenica con orario 10.00-17.00 ( ultimo ingresso h 16.00)

Museo di S.Mamiliano aperto sabato e domenica con orario 10.00-13.00 14.00-17.00

​Ufficio informazioni Palazzo pretorio Sovana aperto sabato e domenica con orario 10.00-13.00 14.00-17.00

Prezzo

Necropoli etrusca € 5,00;
Cumulativo del Parco (compresa la Fortezza Orsini di Sorano e il Museo di San mamiliano - Polo Museale di Sovana) € 10,00;
per i gruppi superiori a 25 pax e per le scolaresche i biglietti sono ridotti del 30%.

Contatti

Direttore: Lara Arcangeli
Info e prenotazioni: 0564-633023    0564-614074 0564-633099
Email: info@leviecave.it
Web: www.leviecave.it

Mappa


Photogallery





scarica la versione pdf scarica la versione pdf

« indietro