Scegli la lingua Italiano Inglese Seguici sui social network Seguici su Facebook Seguici su Instagram Seguici su Youtube Izi.travel Tripadvisor Scarica l'app Scarica l'app Scarica l'app Iscriviti alla newsletter Iscriviti alla newsletter

Grosseto e la pianura

Archeologia e ambiente sono i due punti di forza dell'area centrale della Provincia. 

Vi sono infatti localizzati due centri archeologici di primaria importanza, le città antiche di Roselle e Vetulonia, entrambe di origine etrusca, che si affacciavano in posizione simmetrica sui lati della grande laguna chiamata Lago Prile dai Romani e successivamente Lago di Castiglione.

L'area archeologica di Vetulonia, diffusa dal centro attuale del paese alle necropoli più a valle comprende al suo interno il nuovo Museo Civico dedicato a Isidoro Falchi; Roselle invece, futuro centro di un parco archeologico, trova il suo corrispettivo museale nel Museo Archeologico e d'Arte della Maremma, dove un intero piano è dedicato alla città che fu l'antecedente storico di Grosseto come capoluogo e in seguito sede vescovile.

Il percorso espositivo del Museo Archeologico e d'Arte della Maremma si estende poi da Roselle a documentare la realtà archeologica di tutto il territorio provinciale.

Di recente anche la storia di Grosseto ha trovato una sua collocazione espositiva nel Museolab della Città, progettato e realizzato dall'Università di Siena a seguito delle ricerche di archeologia urbana realizzate nel centro storico del capoluogo, dando continuità a quei primi scavi condotti dalla stessa Università nel 1978 nella Fortezza medicea e nel Cassero senese.

La componente ambientale è invece rappresentata dal Parco Regionale della Maremma, dal Museo di Storia Naturale di Grosseto (in riallestimento) e da aree protette come la Diaccia Botrona.

Mancano invece quelle realtà museali minori e diffuse nel territorio, presenti altrove nella provincia, con l'eccezione del Museo di Storia Locale 'I. Imberciadori' di Montepescali.        



I musei di Grosseto e la Pianura